In principio era solo per le aziende e per i liberi professionisti. Ora invece sono sempre di più anche i lavoratori dipendenti che si accostano con curiosità e interesse al mondo del Noleggio a Lungo Termine come nuovo modo di vivere e soddisfare le esigenze di mobilità di ognuno.

Le domande dei privati sul Noleggio a Lungo Termine, dunque, crescono. E cresce anche la consapevolezza di quanto sia comodo, sicuro ed economico poter disporre di una vettura sempre nuova ed in perfetta efficienza, senza doversi preoccupare di scadenze, oneri, incombenze, imprevisti legati all’utilizzo della vettura stessa.

E’ sdoganata, quindi, la convenienza anche economica del Noleggio a Lungo Termine, tuttavia permane una certa curiosità, a volte un po’ di scetticismo dovuto alla conoscenza spesso ancora approssimativa dei contenuti del servizio.

Ci sentiamo porre domande per lo più ricorrenti sull’argomento. Ci chiedono per esempio perché mai un privato dovrebbe fare un contratto di Noleggio a Lungo Termine invece di acquistare direttamente l’auto, visto che il privato “non scarica niente sul mezzo”.

Parleremo in un articolo dedicato dell’argomento fiscalità nel Noleggio a Lungo Termine, in questa sede bastano alcune considerazioni per smontare la (finta) obiezione di cui sopra.

Noleggio a Lungo Termine per Privati. Zero vantaggi fiscali

Messa così sembra una provocazione, ma è la pura verità.

Chi non è possessore di partita IVA, o più in generale chi sottoscrive un contratto di Noleggio a Lungo Termine come privato cittadino (quindi anche il Libero Professionista che noleggia la sua auto privata), non ne trae alcun beneficio fiscale.

Subito una domanda, a cui peraltro è facile fornire risposta. Se quello stesso privato cittadino va a comprare l’auto anziché noleggiarla, quanto “scarica”?

Nulla, vero?

Certo, perché la leva fiscale non è una buona ragione per scegliere il Noleggio a Lungo Termine invece che l’acquisto, L’Azienda o il Libero Professionista che acquistano il mezzo da usare (anche) per la loro attività professionale beneficiano di una certa percentuale di deducibilità dei costi dell’auto e di detraibilità dell’IVA. Il privato no.

Significa quindi che il Noleggio a Lungo Termine per i Privati NON conviene?

Assolutamente No, indipendentemente dalla natura giuridica del potenziale cliente, la bontà della soluzione Noleggio a Lungo Termine dal punto di vista anche economico emerge SEMPRE confrontando il Canone di Noleggio a Lungo Termine per l’auto scelta con i costi che si vanno ad affrontare acquistando direttamente la stessa auto: pagamento della vettura, in contanti oppure a mezzo finanziamento, costi di assicurazione RC Auto, furto e incendio, KASKO, Infortuni del Conducente, costi per la manutenzione ordinaria (previsti e prevedibili) e straordinaria (imprevisti e imprevedibili), bollo auto e via dicendo.

Ok, il Noleggio a Lungo Termine fa risparmiare dei soldi anche ai privati. Ma quali sono i REQUISTI per accedere al Noleggio a Lungo Termine da Privati cittadini?

Noleggio a Lungo Termine per Privati. I requiditi

Partiamo da quello più ovvio e scontato: per accedere al Noleggio a Lungo Termine occorre avere un contratto di lavoro a tempo indeterminato.

Molti tendono a confondere il Noleggio a Lungo Termine con il Noleggio “classico”, quello che per esempio si fa in aeroporto, o alla stazione ferroviaria quando si arriva in una nuova città e si affitta una vettura per qualche giorno, presentando la nostra carta di credito.

Il Noleggio a Lungo Termine è diverso. E’ un modo (diverso dall’acquisto) per entrare in possesso di una vettura NUOVA, per un certo numero di anni, a fronte di un canone mensile fisso.

La valutazione di una pratica di Noleggio a Lungo Termine, quindi, per le sue caratteristiche si avvicina a quella di una richiesta di finanziamento.

La Società di Noleggio, prima di affidare il proprio mezzo al Cliente, ne valuta la solvibilità, cioè la capacità di far fronte al proprio impegno per tutta la durata del contratto. Più che naturale, quindi, la necessità di garantire un reddito che, oltre ad essere adeguato, sia presente e dimostrabile fino alla fine del contratto.

Quando ciò non sia possibile, perché il Cliente ha un contratto a tempo determinato che scade prima del Contratto di Noleggio o perché il Cliente ha un reddito troppo basso, non in grado di coprire il Canone della vettura che richiede, si può ovviare presentando un garante, a sua volta con un reddito dimostrabile e duraturo, che si obbliga in solido con il Cliente impegnandosi ad onorare l’impegno qualora il Cliente non sia più in grado di farlo.

A proposito del garante si dovrebbe in realtà affrontare un discorso più largo, legato ai parametri di comportamento delle singole Società di Noleggio, che non sono sempre i medesimi. Alcune Società, per esempio, accettano senza problemi il garante, mentre altre chiedono il versamento di un deposito cauzionale a maggiore garanzia, che viene restituito al termine del Noleggio, oppure un maxi canone iniziale come anticipo, allo scopo di abbassare l’importo dei canoni successivi quando il reddito del Cliente non sia adeguato a coprire l’importo del canone per la vettura richiesta.  

Altro requisito necessario, per la verità non solo per i privati: assenza di segnalazioni come cattivo pagatore. Nella vita quotidiana, la vita di ognuno di noi è passata ai raggi X all’interno di una specie di Grande Fratello che si chiama Centrale dei Rischi Finanziari, CRIF. Se abbiamo qualche “scheletro nell’armadio” sotto forma di rate non pagate, o pagate in ritardo per finanziamenti precedenti, o peggio se siamo incappati in qualche protesto, non abbiamo alcuna possibilità di ottenere un’auto in Noleggio a Lungo Termine. Per i cattivi pagatori, segnalati come tali, non c’è speranza, e non c’è garante che tenga.

Infine, l’istruttoria della pratica di noleggio richiede l’indicazione delle coordinate bancarie di un conto corrente italiano. Il codice IBAN del conto su cui andremo a fare addebitare i canoni del Noleggio a Lungo Termine deve quindi essere stato aperto in una Banca del territorio dello Stato.

Questo è importante soprattutto per i Clienti di alcune zone d’Italia, per esempio al Nord, dove vivono diversi lavoratori detti “frontalieri”, che risiedono in Italia ma lavorano, per esempio, in Svizzera e non di rado hanno il proprio conto corrente, per comodità, in un istituto bancario del Paese dove lavorano.

Per il Noleggio a Lungo Termine serve dunque un conto corrente di una Banca Italiana.

Bene, chiudiamo qui questa carrellata sul Noleggio a Lungo Termine per i Privati, argomento che interessa un numero sempre maggiore di persone che si sono rese conto di come il Noleggio a Lungo Termine, al di là delle normative fiscali ad esso collegate, sia

  • Economico
  • Facile da gestire
  • Comodo

Non solo per le aziende e i liberi professionisti, ma anche per i privati cittadini.

Come sempre, invitiamo chiunque volesse porci delle domande, parlare con noi del Noleggio a Lungo Termine o prenotare una consulenza personalizzata a lasciarci un messaggio ed i propri recapiti alla pagina CONTATTI del nostro sito.

per rimanere in contatto con noi, essere sempre aggiornati sulle nostre ultime offerte e promozioni, basta un click !

RESTA IN CONTATTO CON NOI

Sarà un piacere per noi potervi richiamare e rispondere a tutte le vostre richieste, dubbi, domande, necessità.

A presto e buon noleggio a tutti!